Se ti occupi di analisi dati, sicuramente conosci già Piwik che ha cambiato il nome in Matomo.

Se, invece, sei nuovo da queste parti, vesto i panni del professore (in stile Severus Piton) e ti lascio la definizione tecnica.

Matomo (ex Piwik) è una piattaforma open-source per la web analytics installabile sul proprio server.

matomo logo

Se ti dico web analytics, tu penserai subito a Google Analytics e come darti torto? È il servizio online più conosciuto e più utilizzato in questo ambito.
Beh, devi sapere che Matomo rappresenta una delle migliori alternative esistente a Google Analytics: oltre a raccogliere i dati del traffico ai siti web, Matomo integra anche molte funzionalità per migliorare la CRO.

La cosa più importante da considerare riguarda la proprietà dei dati: con Matomo, la proprietà e l’accesso ai dati resta sotto l’esclusivo controllo di chi li raccoglie, visto che l’installazione avviene su server proprietari. Con Google Analytics, invece, i dati sono sotto la proprietà e il controllo di Google. Ovviamente questo implica che se ti bucano il server e ti ciucciano i dati sono cavolacci amari per te, perché sei tu il responsabile (evviva la GDPR e la privacy).

Ma vediamo nel dettaglio come funziona questa piattaforma.

Web analytics

Proprio come il suo antagonista, Matomo presenta le classiche caratteristiche:

  • le visite in tempo reale;
  • il numero di utenti e di sessioni in un determinato periodo;
  • la provenienza geografica delle visite;
  • il Bounce Rate (frequenza di rimbalzo);
  • le pagine più visitate;
  • il dispositivo, il browser e i motori di ricerca utilizzati;
  • l’analisi delle conversioni;
  • gli obiettivi (i goals);
  • i report personalizzati;

e molto altro.

Ovviamente non mi dilungherò oltre: è impossibile descrivere tutte le funzionalità della web analytics in poche righe.
Mi concentrerò più sulle differenze tra Matomo e Google Analytics e sugli strumenti per la CRO di cui dispone Matomo.

Matomo e Google Analytics

Come ti accennavo, al contrario di Google Analytics, Matomo salva i dati raccolti sul server proprietario e non li diffonde, mentre, per quanto riguarda the big G, tutte le informazioni vengono archiviate sui server dell’azienda, cosa che può rivelarsi critica soprattutto in termini di privacy.

Un altro elemento di confronto riguarda la mole di dati raccolti perché, oltre determinate soglie, Google Analytics utilizza procedure di campionamento dei dati per generare i report, approssimando alcuni valori. Dal canto suo, Matomo non effettua alcuna approssimazione: i dati sono più verosimili.

Infine, Google Analytics non offre strumenti per la CRO come le registrazioni delle sessioni e le heatmaps. Dunque, ti troverai costretto ad installare tool come Yandex Metrica oppure Hotjar.

CRO (conversion rate optimization)

Questa è la parte più interessante.
Matomo integra le funzioni principali per ottimizzare il tasso di conversione:

Heatmaps

Le heatmap non sono altro che le mappe di calore di una pagina web: più un elemento (un pulsante o un link) viene cliccato dagli utenti, più acquisirà un colore caldo nella heatmap. I colori più caldi (rosso, arancione, giallo) sono quelli che segnalano una maggiore attività, i colori più freddi (verde, azzurro, blu), invece, indicano un’attività minore.

La mappa di calore non mostra solo le parti più cliccate, ma anche lo scroll di pagina, sempre utilizzando la scala di colori dal più caldo al più freddo.

La comodità di avere strumenti per la web analytics e per la CRO all’interno di un’unica piattaforma sta nel fatto che Matomo assegna agli utenti un ID univoco e che rimane invariato sia per la parte di analisi dati sia per la parte CRO, in modo da identificare con più facilità le mosse dell’utente.

matomo heatmap

Registrazione delle sessioni

Questa è un’altra funzione indispensabile per la CRO. Si tratta della registrazione dello schermo dell’utente durante la sessione, dalla quale puoi vedere i click, i movimenti del mouse e gli scroll all’interno di una pagina web.

Questo ti permette di scovare eventuali falle nel sito e sanarle in tempo, senza perdere conversioni.

Funnel

Matomo crea un funnel per seguire step-by-step la user journey.

Grazie al funnel abbinato alle heatmap e alle registrazioni delle sessioni, potrai aumentare sensibilmente le tue conversioni. Garantito!

Form analytics

Quante volte ti sarà capitato di analizzare i dati di un form e accorgerti che gli utenti non portano a termine la compilazione?

Dove sta il problema? Le risposte possono essere molte: troppi campi da compilare che richiedono troppo tempo, il form è troppo complesso, oppure non è ottimizzato per il mobile e questo crea una scarsa esperienza utente.

Grazie alla funzione form analytics, puoi analizzare e intervenire in modo mirato per correggere eventuali problemi.

A/B test

Dulcis in fundo: A/B test!

Una delle regole del digital marketing è testare, sempre! E per farlo ci avvaliamo degli A/B test per capire come ottenere più conversioni. Macché te lo spiego a fare? 😉

In questo caso, Matomo compara differenti versioni di landing page per capire quale ottiene più successo in termini di click. I test diventano particolarmente utili quando hai bisogno di dare una spintarella a quegli utenti bloccati nel funnel.

Versioni: on-Premise o Cloud Host?

Esistono due versioni di questo software: una gratuita, Matomo on premise, e l’altra a pagamento, Matomo Cloud Host.

Per quanto riguarda la versione gratuita, le uniche spese che dovrai eventualmente sostenere sono il costo del tuo database dove installerai l’applicazione ed eventuali plugin premium.

Dall’altro lato, la versione a pagamento è di fatto un abbonamento mensile, il cui prezzo varia in base al numero di siti da tracciare e alle visite che ricevono.

Matomo on-Premise

Si tratta della versione gratuita. Matomo on-Premise richiede l’installazione su un server proprietario. Di conseguenza, sarai tu il diretto responsabile dei dati archiviati.

Inoltre, essendo il gestore del database, non avrai limiti sulla quantità di dati che potrai salvare.

Potrai personalizzare l’interfaccia grafica come preferisci, semplicemente scaricando dei plugin e widget.

Matomo Cloud Host

Per la versione a pagamento la procedura di setup è identica a quella di Google Analytics, quindi ti basterà incollare uno script e sarai pronto per tracciare.

Attenzione però: Matomo Cloud Host utilizza i server di Matomo per archiviare i dati, includendo anche il supporto in caso di necessità.

Inoltre, non ti dovrai preoccupare di installare aggiornamenti o compiere manovre tecniche, se ne occuperà il software automaticamente. Insomma, una volta installato lo script, non dovrai più far nulla.

Matomo-on-premise-vs-Matomo-cloud-host

Parliamo di costi.
Il prezzo mensile varia in base al numero di visitatori e alla conservazione dei dati. Per esempio, l’abbonamento “Essential” eliminerà i dati più vecchi di 5 mesi, mentre il “Business” li mantiene fino a 24 mesi.

Link utili:

Che dici, preferisci utilizzare il buon Google Analytics o ti ho tentato con questo articolo su Matomo?
Fammelo sapere nei commenti 🙂

Condividi anche tu Google Tag Manager!

Hai ancora qualche dubbio?
Chiedi pure qui sotto, sarò pronto a risponderti!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.